I Disturbi Specifici dell’Apprendimento

Con la sigla DSA si identificano i Disturbi Specifici di Apprendimento caratterizzati da disturbi nell’apprendimento di alcune abilità specifiche che non permettono una completa autosufficienza nell’apprendimento, poiché le difficoltà si manifestano principalmente in abilità cognitive trasversali quali la lettura, la scrittura, il calcolo. Questi disturbi si verificano in soggetti che possiedono intelligenza, caratteristiche fisiche e mentali nella norma. In sintesi i DSA vengono a raccogliere una gamma diversificata di problematiche nello sviluppo cognitivo e nell’apprendimento scolastico, non imputabili primariamente a fattori di disabilità e definibili in base al mancato raggiungimento di criteri attesi di apprendimento rispetto alle potenzialità generali del soggetto.Il termine Disturbo dell’Apprendimento fa riferimento a una ben determinata categoria diagnostica dal punto di vista clinico e scientifico, identificata da precisi criteri oggettivi e valutabili, e pertanto va distinta dalla più generica espressione “difficoltà di apprendimento” che include tipologie molto diverse di difficoltà che si possono manifestare nell’ambito scolastico. I DSA possono interessare un aspetto specifico dell’apprendimento, come lettura, scrittura o calcolo, anche se nella pratica clinica è più frequente incontrare l’associazione di più deficit. Si tratta comunque di disturbi distinti, ognuna con caratteristiche proprie.

Tali difficoltà possono persistere in modo più o meno marcato fino all’età adulta e questo avviene anche quando sono stati effettuati interventi riabilitativi ed educativi, che tuttavia risultano determinanti per consentire un percorso di miglioramento e soprattutto per garantire al soggetto appropriate condizioni e opportunità di apprendimento. L’evoluzione positiva di tali disturbi, in effetti, è favorita dalla precocità e adeguatezza dell’intervento, oltre che dalle misure compensative adottate nell’ambito del percorso scolastico. Queste considerazioni hanno portato negli ultimi anni a focalizzare l’attenzione sulla prevenzione, mettendo a punto programmi di potenziamento dei prerequisiti degli apprendimenti scolastici di base da utilizzare già a partire dalla scuola dell’infanzia.

I Disturbi Specifici di Apprendimento si distinguono in base alle diverse aree di apprendimento entro cui si manifestano le difficoltà (scrittura, lettura, ortografia, calcolo) e da esse prendono il nome:

  • Disgrafia
  • Dislessia
  • Disortografia
  • Discalculia

Di grande importanza è in ogni caso la tempestività della diagnosi elaborata da persone competenti; si tratta è bene sottolinearlo del primo passo per comprendere e intervenire su difficoltà così articolate.